pozzetto degrassatore

Pozzetto degrassatore: cos’è e come pulirlo

Prima di spiegare come pulire un pozzetto degrassatore, è importante far chiarezza su cos’è questo sistema e come funziona.

Il pozzetto degrassatore, noto anche come degrassatore statico, vasca di caduta grassi o disoleatore, definisce un tipo specifico di separatore dell’olio, utilizzato soprattutto nelle attività di ristorazione e di lavaggio, per chiarificare le acque di prima pioggia o quelle potenzialmente contaminate.

Queste attività commerciali o artigianali utilizzano oli e prodotti chimici per il lavaggio (es. detersivi per lavastoviglie, prodotti chimici per la pulizia industriale delle apparecchiature, cabine di verniciatura con sistemi di filtrazione dell’acqua) che tendono a condensarsi a temperatura ambiente o inferiore, principalmente per flottazione e solidificazione.

Questo provoca la formazione di incrostazioni e problemi non indifferenti nelle tubature, inoltre possono contaminare in modo importante i depuratori.

Qual è la funzione del pozzetto degrassatore?

La funzione del pozzetto degrassatore è quella di intercettare le acque reflue e separare il flusso di sostanze grossolane dall’acqua, prima che arrivino ai tubi.

L’acqua, una volta scaricata, passa attraverso delle paratie e viene raccolta in serbatoi, che possono essere periodicamente svuotati e puliti da un’azienda specializzata, come la nostra.

Esistono molti tipi di degrassatori e i loro materiali di produzione variano notevolmente; si va dalle materie plastiche ai materiali in fibrocemento armato, che rappresentano le migliori opzioni in termini di qualità, costo di acquisto e manutenzione.

Una volta installato il disoleatore, sia esso un modello da esterno o un modello sotto il lavello, verrà riempito con acqua pulita prima di essere messo in funzione.

A quel punto, il sistema intercetterà tutte le acque di scarico e aiuterà a separare le parti più grasse e unte, ristagnandole in una vasca di decantazione intermedia, favorendo una maggiore filtrazione e fuoriuscita dell’acqua di scarico pulita verso la fogna o pozzo nero.

Non bisogna dimenticare che periodicamente la vasca di sedimentazione va svuotata e si procede al riavvio del ciclo, per non perdere efficienza nel processo di chiarificazione.

Quando installare un degrassatore?

L’installazione di uno sgrassatore è obbligatoria in tutti i casi previsti dal decreto n. 152 del 2006.

Per riassumere, questo decreto elenca le quantità accettabili di grasso in base all’utilizzo preliminare dell’acqua.

Il limite massimo per grassi e oli animali o vegetali nelle acque di scarico è di 20 mg per litro nelle acque superficiali; invece, nelle reti fognarie il limite si alza a 40 mg per litro.

Il calcolo delle dimensioni dello sgrassatore si basa sul consumo di acqua pro capite, che non è quasi mai obbligatorio per le abitazioni civili. Invece, viene quasi sempre utilizzato per attività di ristorazione, industriali e agricole.

Come si pulisce il pozzetto degrassatore?

La pulizia del pozzetto degrassatore non è una cosa che si fa da soli, soprattutto per alcuni motivi.

Prima di tutto bisogna tenere conto che alcuni di questi fanghi sono maleodoranti e addirittura pericolosi nel caso di uso di prodotti chimici, come succede spesso dai carrozzieri e dai falegnami.

Ad esempio, le vernici applicate, hanno un odore particolarmente cattivo e richiedono non solo un trattamento speciale per il loro smaltimento, ma anche un trattamento di raccolta (visiere, guanti e indumenti da lavoro adeguati).

In secondo luogo, per rimuovere i residui di grasso è necessario utilizzare prodotti specifici che li sciolgano e li ammorbidiscano, altrimenti bisogna ricorrere a dispositivi meccanici che ne facilitino l’estrazione, tecniche utilizzate soprattutto da aziende specializzate in autospurgo.

In terzo luogo, è importantissimo che questi fanghi non vengano mai reimmessi nella rete fognaria, ma il loro corretto trattamento richiede che ditte specializzate li raccolgano e li ripartiscano in base alle loro caratteristiche e li affidino a centri di raccolta specializzati per lo smaltimento.

Prezzi

Chi è interessato ai prezzi dei degrassatori sotto lavello o ai prezzi dei pozzetti degrassatori classici, deve ricordare che queste soluzioni sono disponibili in diverse varianti, adattate alle diverse esigenze del cliente, garantendo una serie di vantaggi inscindibili.

Per questo motivo, è importante contattare un esperto del settore che possa consigliare la giusta tipologia di prodotto da adottare.

Vasche di prima pioggia: a cosa servono?

La prima pioggia corrisponde ai primi 5 mm di pioggia che cadono su un parcheggio o cortile, soprattutto nelle aree di rifornimento, autolavaggi, centri logistici, industrie, ecc.

Queste acque di prima pioggia solitamente defluiscono, portando via con sè elementi contaminanti depositati sull’asfalto, come sabbia, olio, grasso, idrocarburi o altri materiali legati alle attività che si svolgono sul piazzale.

L’acqua contenente elementi inquinanti non può essere scaricata direttamente nel terreno o nei corsi d’acqua, ma deve essere intercettata e trattata mediante un sistema costituito da vasche prefabbricate adibite a collettori temporanei di acqua piovana (vasche di prima pioggia), con conseguente rilancio temporizzato e ritardato (48 ore circa) dal termine dell’evento meteorico, mediante un’elettropompa di sollevamento, al successivo trattamento (disoleatore statico con filtro a coalescenza).

L’utilizzo di vasche di prima pioggia ha come scopo quello di ridurre l’inquinamento dei corpi idrici superficiali e mitigare i picchi di inondazione causati dall’acqua piovana.

prima pioggia

Come funziona una vasca di prima pioggia?

La prima acqua piovana in arrivo dalle fognature raccoglie tutta l’acqua delle strade, dei parcheggi e delle piazze, per poi defluire alla cisterna attraverso un pozzetto scolmatore o di by-pass.

Questo manufatto separa le gocce di prima pioggia cadute nei primi 15 minuti, che sono potenzialmente contaminate, dalle gocce di seconda pioggia, teoricamente pulite e incontaminate e, quindi, pronte per essere scaricate.

L’acqua piovana viene raccolta in queste vasche prefabbricate in cemento armato, dove avviene la sedimentazione di sabbia e fango; una valvola di ritegno a galleggiante in acciaio inox posta all’ingresso della cisterna assicura la separazione della prima e della seconda pioggia.

Quindi, solitamente dopo 48, 72 o 96 ore, queste acque vengono avviate al processo di disoleazione dei liquidi leggeri o mandate direttamente al ricevitore finale, mediante un’elettropompa sommersa a portata costante.

La normativa italiana riguardante le acque di prima pioggia

L’Italia applica standard molto precisi e severi nelle competenze e nel metodo di gestione dell’acqua di prima pioggia.

Già nella fase iniziale di progettazione è opportuno valutare la realizzazione di un impianto di trattamento delle acque reflue che rispetti le normative e che garantisca la protezione dalla contaminazione del suolo e delle acque.

prima pioggia

Si rinvia alla disciplina del Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152, intitolato “Testo completo sull’acqua”, recante “Normativa in materia ambientale”, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.14 aprile 2006 n.88.

In materia di acque piovane, il D.Lgs. 152/06, all’art. 113 “Prima pioggia e sciacquone in aree esterne” dice:

“Ai fini della prevenzione di rischi idraulici ed ambientali, le regioni, previo parere del Ministero dell’Ambiente e tutela del territorio, disciplinano le forme di controllo degli scarichi di acque meteoriche di dilavamento provenienti da reti fognarie separate ed i casi in cui richiesto che le immissioni delle acque meteoriche di dilavamento, effettuate tramite altre condotte separate, siano sottoposte a particolari prescrizioni, ivi compresa l’eventuale autorizzazione.”

Le Regioni specificano anche le situazioni in cui le acque di prima pioggia e di lavaggio provenienti da aree esterne potrebbero dover essere trasportate e opportunamente trattate presso impianti di depurazione.

Sono casi speciali, legati alle attività svolte ove vi sia il rischio di dilavamento dalle superfici impermeabili scoperte di sostanze pericolose o di sostanze che creano pregiudizio per il raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici.

Tuttavia, è vietato lo scarico dell’acqua piovana nelle falde acquifere.

La prima legge che si occupa direttamente di tale materia è stata la L.R. 27 maggio 1985 n. 62 sulla “normativa sugli insediamenti civili delle pubbliche fognature e tutela delle acque sotterranee dell’inquinamento””, che per la prima volta ha chiarito la definizione di “acque di prima pioggia”.

La legge attualmente in vigore in Lombardia è il Regolamento R.R. n. 4 del 24 marzo 2006, che disciplina lo lo smaltimento delle acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne in attuazione dell’articolo 52 comma 1 lettera a) della Legge Regionale 12 dicembre 2003 n. 26.

Tutte le Regioni hanno già provveduto ad emanare regolamenti in materia.

Top